“Basta con l’agenda Draghi” » TheNewsBig

“Il Pd non deve essere l’ufficio di collocamento di qualche reduce”, scrivono al segretario i militanti dem: “Appaltata l’elaborazione politica al centro liberale. Bisogna fare pulizia all’interno del nostro campo. Il partito sia collettore di tutti coloro che oggi non hanno alcuna rappresentanza politica”

Caro segretario ti scrivo. E “La necessità di scriverti nasce dal nostro sbigottimento rispetto alla posizione assunta dal Partito in queste prime settimane di campagna elettorale“.

Una lettera firmata da circa 150 tra iscritti al Pd, in gran parte Giovani democratici di Roma, simpatizzanti ed elettori che si rivolgono direttamente a Enrico Letta per chiedere un netto cambio di rotta: “È sembrato infatti che il governo Draghi sia improvvisamente diventato quanto di meglio il nostro Paese potesse auspicare. Come se la sua azione non avesse provocato forti mal di pancia interni al Partito, come se il PD non avesse fatto di tutto per scongiurarne la nascita e non avesse indicato quello di Giuseppe Conte come unico nome a suo tempo spendibile”, scrivono i firmatari del messaggio, mettendo in discussione le scelte politiche dell’ultimo anno, di cui evidenziano le contraddizioni. 

Ancor di più contestano la scelta di spostarsi verso…

Leave a Reply

Your email address will not be published.